Il blog

Pagine Viaggianti: l’iniziativa di Monica Maggi per salvare i libri destinati al macero

La giornalista Monica Maggi è la creatrice dell’iniziativa “Pagine Viaggianti”, nata nel 2013 e cresciuta sempre di più di anno in anno. Alla base dell’iniziativa c’è il desiderio di diffondere la cultura, rendendola accessibile a tutti e facilmente raggiungibile. 

Monica si occupa di recuperare libri destinati al macero, portandoli al sicuro all’interno della sua auto-libreria. I libri vengono poi regalati nelle piazze e nei mercati della provincia di Roma, destinati a chiunque abbia voglia di fermarsi a guardarli. Il piccolo tavolo di Pagine Viaggianti riporta proprio la dicitura “Libri Gratis”, perché Monica è intenzionata a salvare questi libri e regalarli, e non a guadagnarci. 

Certo, un’offerta non è mai rifiutata, proprio per sostenere il progetto e farlo crescere ancora di più. In effetti, alcune librerie di piccole dimensioni hanno iniziato a contattare Monica per chiederle di riservare loro qualche libro speciale, così da evitare che i libri vadano persi per sempre. 

L’iniziativa dimostra quanto la diffusione consapevole della cultura sia importante, oggi probabilmente più di prima. I libri sono un’arma potentissima, un mezzo per arrivare direttamente al cuore delle persone. 

Sulla sua pagina Facebook Monica parla della nascita di Pagine Viaggianti, dei successi che ha ottenuto e delle personalità incredibili con cui è entrata in contatto. La sua storia può ispirare tantissime altre persone, amanti del mondo dei libri cartacei che vogliono offrire un contributo reale al movimento per la diffusione della conoscenza. 

I mercati di Pagine Viaggianti potrebbero aprirsi in tutta Italia, consentendo anche a chi non ha modo di permetterselo di portare a casa un buon libro. La compagnia che si ricava dalle storie, scritte dalle abili mani degli autori, non è paragonabile a nient’altro. La speranza è che Monica riesca a trovare sufficienti sostenitori per continuare con il suo progetto il più a lungo possibile. 

Lei stessa ha testimoniato di essere stanca ma incredibilmente felice per i risultati che è riuscita a portare a termine e per tutte le persone che ha avuto la possibilità di aiutare.